Stiamo per presentare a diversi comuni della provincia di Roma, con l’intento poi di allargarci in altre province,  il progetto iniziato dalla L.A.C. (lega abolizione caccia) in cui si rende noto che i cacciatori, secondo la legge, devono pagare i proprietari della terra su cui cacciano. Il nostro intento è quello di rendere noto ad un numero sempre maggiore di persone tale possibilità, con lo scopo ultimo di mettere ancora una volta i bastoni tra le ruote ai cacciatori.

L’articolo 15, comma 1,
della Legge 157/92 impone il pagamento di una somma a tutti i
proprietari e conduttori di fondi che sono utilizzati per l’esercizio
venatorio.
In sostanza i cacciatori italiani, dal 1992, vanno a
caccia gratis su 18 milioni di ettari di terreni rurali altrui,quando
invece le Regioni avrebbero dovuto pagare milioni di € ogni anno ai
proprietari dei terreni, tassando i cacciatori.
La Lega per l’Abolizione Caccia ha iniziato a
raccogliere le adesioni dei proprietari e dei conduttori dei fondi
(compresi nell’80% del territorio agro-silvo-pastorale) ove si svolge la
caccia, per una class-action civile nell’interesse di proprietari e
conduttori di terreni contro tutte le  Regioni per ottenere il pagamento
del “canone venatorio” per il 2011 e per 10 anni arretrati.

Modulo Richiesta Pagamento Art.15 Legge 157/92 – PDF File (50Kb)
Tale modulo deve essere spedito con raccomandata alla propria regione (o
dove previsto dalle normative, alla propria provincia) al fine di
richiedere il compenso per avere avuto i propri terreni inclusi nel
territorio-agro-silvo-pastorale dove è ammessa la caccia.
I dati personali raccolti in questa iniziativa
saranno trattati nel rispetto delle norme previste dal codice di
regolamentazione della privacy (Dlgs 196/2003), per lo sviluppo della
campagna e non verranno in nessun caso ceduti a terzi.
Per maggiori informazioni: